“Mud” di J. Nichols

giphy.gif

Questa produzione relativamente recente (2012) è il terzo film di Jeff Nichols, giovane regista originario del West South; e proprio i paludosi panorami del sud degli Stati Uniti sono l’opprimente cornice di Mud, racconto di formazione chiaramente ispirato alle opere di Mark Twain.

Due ragazzini, Ellis e Neckbone, navigano sul fiume Arkansas alla volta di un isolotto sul quale figura una barca incagliata fra i rami di un albero. Lo strano prodigio non è l’unico mistero dell’isola: l’enigmatico Mud (Matthew McConaughey) vaga fra i rami con una camicia e una pistola, vaneggiando sulla bionda Juniper.

MUD-16973_0426_t630.jpg

Non sarà tanto il pericolo, né la violenza la vera scoperta di Ellis, genuino protagonista del film; quanto piuttosto la natura sibillina e sfaccettata dell’amore – che pure può implicare, esso sì, violenza e pericoli.

Non si tratta forse di un film particolarmente originale e si sviluppa invero con una meditata (a tratti torpida) pacatezza; e tuttavia la regia di Nichols ricorda a sprazzi Peckinpah per l’asciutta intensità con cui ritrae i propri personaggi, e Herzog per l’atmosfera in cui lirismo, tensione e avventura si combinano fra loro in una tersa ed equilibrata dialettica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...