Odradek – brevi spunti su un racconto di Kafka

Odradek.jpg

Il titolo del racconto kafkiano Die Sorge des Hausvaters, edito in Italia come Odradek, significherebbe all’incirca “La preoccupazione di un padre di famiglia”. Parla di uno strano oggetto, in qualche maniera vivo, di nome “Odradek”.

Di tanto in tanto Odradek parla, si muove, ha un aspetto simile a quello che vedete in foto. A volte giace fermo e immobile, come se fosse inanimato. La stessa etimologia del suo nome è incerta, oscilla fra il proto-slavo e il proto-germanico.

Odradek costituisce per il padre di famiglia, che è il narratore, una preoccupazione. Il padre di famiglia è inquieto perchè Odradek gli sopravviverà, ed esisterà anche più a lungo dei suoi eredi. Il padre di famiglia è costernato perchè lui stesso, in quanto padre di famiglia, ha uno scopo, mentre Odradek non ne ha alcuno. Il padre di famiglia è disorientato perchè si ritiene in qualche modo completo, mentre Odradek sembra essere il relitto di qualcosa di più grande.

Si è dibattuto a lungo sul significato del racconto, misterioso e paradossale come gran parte della produzione di Kafka. Sono state tentate interpretazioni psicanalitiche, politiche, biografiche. Qui ne azzardo una esistenzialista.

Il padre di famiglia è perfettamente integrato nel suo ruolo di padre di famiglia. In quanto padre di famiglia ha un preciso scopo, una funzione sociale, degli affetti familiari e una fissa dimora. Da un punto di vista esistenziale, si può affermare che il padre di famiglia trovi il senso del proprio esistere nel medesimo ruolo che ha assunto sopra di sè: quello di padre di famiglia. Un ruolo di estrema responsabilità che non permette dubbi, né esitazioni.

Odradek rappresenta invece le ansie innominabili del padre di famiglia, che potrebbero coincidere con le caratteristiche ultime della natura: il timore che l’esistenza non abbia significato alcuno, l’angoscia per un mondo che potrebbe essere assurdo, la percezione che le scelte da lui fatte non rappresentino una rotta ben precisa ma piuttosto episodici e repentini cambi di direzione in uno spazio vuoto e immenso.

Forse Odradek è la natura stessa dell’universo che si rivela intrinsecamente paradossale, vuota di senso e innominabile – difatti, il verbo proto-slavo odradeti significa “dissuadere”. Quindi Odradek, né vivo né non-vivo, né completo né incompleto, né naturale né artificiale, espressione oscura e purissima dell’enigma dell’universo, ci dissuade dal tentare di comprenderlo.

Per questo il padre di famiglia, malgrado le sicurezze che negli anni si è faticosamente costruito, è preoccupato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...