“Koyaanisqatsi”, G. Reggio, 1982

 

 

giphy.gif

Recentemente un amico che lavora in environmental communication mi faceva presente la difficoltà di far comprendere al pubblico la reale portata del cambiamento climatico. Sui temi ecologici c’è tuttora un diffuso scetticismo, in parte a causa di una contro-informazione lautamente stipendiata da multinazionali inquinanti, in parte a causa della relativa lentezza che i disastrosi effetti dei mutamenti antropogenici impiegano per manifestarsi.

tumblr_m6y4ssAwot1qzktzro1_250.gifIn particolare, era interessato al rapporto fra cinema ed ecologia, e gli ho immediatamente suggerito “Koyaanisqatsi” (1982), pellicola sperimentale priva di dialoghi e trama, che contiene soltanto immagini (prevalentemente in time lapse) e sonoro (splendida colonna sonora di Philip Glass).

Il titolo in lingua Hopi (dialetto azteco) significa “vita priva di equilibrio”, e si riferisce ovviamente allo stile di vita frenetico dei paesi sviluppati e in via di sviluppo e all’impatto devastante del consumismo sfrenato. Se un osservatore sensibile è disposto ad affrontare il rischio di un film senza trama né parole, si troverà coinvolto in una delle esperienze cinematografiche più intense ed originali mai concepite.

tumblr_mv1er07t3S1rxdx6ho1_500.gif

L’accostamento ardito fra scenari urbani e microurbani e sconfinate vedute naturali crea un’atmosfera di grande impatto, oltre a fornire un raro supporto visivo (furono necessari quasi dieci anni di riprese) in grado di offrire una prova tangibile del degrado ambientale che l’uomo sta imprimendo alla natura. “Koyaanisqatsi” è il primo episodio (e il più celebre) di una trilogia, così come tre sono le profezie Hopi a cui la trilogia stessa fa riferimento:

  • Se estraiamo tesori dal sottosuolo, attireremo disastri.
  • Vicino al giorno della Purificazione, ci saranno ragnatele trascinate avanti e indietro nel cielo.
  • Un contenitore di ceneri potrebbe un giorno cadere dal cielo, bruciare la terra e bollire gli oceani.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...