Ettore Scola – parte 1

A poche ore dalla scomparsa di Ettore Scola, propongo il mio piccolissimo omaggio: una carrellata cronologica (divisa in due parti) dei sei (6) film più rappresentativi del regista romano. Per chi non li ha visti, sarà un’opportunità per avvicinarsi al cinema di Scola; per chi li conosce, un’occasione per discuterne.

“Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?”, 1968.

1018.5.jpg

L’avventuroso editore romano Di Salvio (Alberto Sordi), in fuga dallo stress e dalla monotonia borghese, trascina il suo dipendente Ubaldo Palmarini (Bernard Blier), un pavido ragioniere marchigiano, nel cuore dell’Africa per rintracciare il cognato scomparso (Nino Manfredi), che ha lasciato dietro di sè una scia di truffe, crimini e donne impazzite. Una delle più genuine e divertenti commedie all’italiana.

Ispirato a una storia di Topolino (R. Scarpa) e al conradiano Heart of Darkness, il ritmo vivace e il tono scanzonato non pregiudicano l’efficacia della pungente critica mossa al colonialismo economico e culturale imposto dall’uomo bianco, e anche alla visione idealista e romantica dell’alterità culturale incarnata da Di Salvio. La coppia Sordi-Blier è eccezionale, indimenticabile poi la fotografia e le tracce di Trovajoli.

“C’eravamo tanto amati”, 1974.

nousnoussommesttaimes.jpg

Forse il film più celebre di Scola, tanto che il titolo è entrato nel linguaggio comune per indicare l’avvenuta rottura fra amici un tempo inseparabili. Che in fondo è quel che accade a Gianni (Vittorio Gassman), Antonio (Nino Manfredi) e Nicola (Stefano Satta Flores); dopo aver fatto insieme i partigiani e condiviso gli ideali comunisti, il primo diviene un borghese altolocato, il secondo resta proletario, il terzo è un intellettuale fallito. A dividere e riunire i tre amici è anche la figura di Luciana (Stefania Sandrelli), lungo un arco di tempo che va dal dopoguerra agli anni ’70.

Ancora una volta un ritratto dolceamaro di vizi e virtù della società italiana, che omaggia apertamente De Sica confessando l’evidente debito nei confronti del cinema Neorealista. Amicizia, idealismo politico e il rapporto fra solitudine e ricchezza sono fra i temi principali del film, che tuttavia è forse, sopra ogni cosa, una nostalgica elegia della gioventù e malinconica cognizione delle sue promesse infrante.

“Brutti, sporchi e cattivi”, 1976.

hqdefault.jpg

Per metà una parodia, per metà un documentario che analizza le baraccopoli disastrate della Roma periferica. Al centro della pellicola la famiglia Mazzatella, e in particolare il personaggio di Giacinto, caratterizzato magistralmente da Nino Manfredi.

Film suggestivo e originale che indugia fra criminalità, povertà, pervertimenti e prostitute, divertendo per mezzo di quella che Moravia definì “un’estetica del brutto”, del ripugnante e dell’innominabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...