L’utilizzo del bianco in “Arancia meccanica”, di R.C.

korova3

Approfitto della recente visione dell’opera di Kubrick per aggiungere qualche considerazione su questo film che contiene un abbondante vocabolario simbolico. Nello specifico è interessante l’uso dei colori, che spaziano fra tonalità poco intense di grigi e bianchi, adoperando giochi di contrasto frequenti e significativi.

Particolarmente indicativo l’uso del bianco, colore che tradizionalmente indica la purezza, la pulizia, la freschezza e quindi la gioventù, valori totalmente pervertiti nel film. Bianche sono le tute dei drughi, così come bianco è il drink che sono soliti consumare al Korova Milk Bar, in apparenza semplice latte, ma che in realtà contiene droghe potenti.

A un grande regista come Kubrick è sufficiente un uso dei colori guidato da una semantica allusiva, contorta quanto le menti dei protagonisti, per veicolare messaggi criptici affidati all’immediatezza cromatica invece che alla mediatezza discorsiva.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;L’utilizzo del bianco in “Arancia meccanica”, di R.C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...